Cézanne/Renoir

Cézanne/Renoir. Capolavori dal Musée de l’Orangerie e dal Musée d’Orsay

Al Palazzo Reale di Milano, una delle mostre più importanti della primavera milanese (19 marzo – 30 giugno 2024) pone a confronto le personalità e le opere di due maestri incontestabili della pittura: Paul Cézanne e Pierre-Auguste Renoir, che hanno contribuito in maniera decisiva allo sviluppo dell’Impressionismo e che hanno influenzato future generazioni di artisti (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci)

Cézanne e Renoir. L’arte del XX secolo ne fu sensibilmente influenzata.
Continua a leggere

Picasso. La metamorfosi della figura

Con la mostra Picasso. La metamorfosi della figura – 22 febbraio – 30 giugno 2024 – il MUDEC ha realizzato una rassegna che è 100% “nelle sue corde” né avrebbe potuto concepire una maniera migliore per dimostrare che l’arte è sempre senza confini e senza tempo, oppure non è arte (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Pablo Picasso. Nudo appoggiato. 1961. Olio su tela. 146×114. Collezione privata
Continua a leggere

Rovigo: arte, storia, natura

Molti sono i modi per far conoscere una terra veneta, Rovigo, che fonda le sue radici nel mito, plasmata dal corso dei due fiumi più lunghi d’Italia che ancora oggi ne disegnano le peculiarità, i suoni, i colori…

Michele da Firenze, 1440-1445, terracotta policroma e dipinta, Polittico di Raccano, Raccano di Polesella, Chiesa della Natività della Beata Vergine Maria
Continua a leggere

Isgrò cancella Brixia

Emilio Isgrò cancella Brixia, dal 23 giugno 2022 all’8 gennaio 2023, mette in scena una grande operazione di arte pubblica, un programma espositivo completamente inedito, originale e site specific, che mette in relazione l’arte contemporanea con il grande patrimonio archeologico romano di Brescia (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Emilio Isgrò, Brixia come Atene
Emilio Isgrò di fronte al suo Discobolo
Continua a leggere

Il Labirinto della Masone

Un nucleo di edifici, che include un’iconica piramide, per ospitare una collezione d’arte disposta su cinquemila metri quadrati, una biblioteca e la sede della sua Casa Editrice. Queste costruzioni sono circoscritte da un labirinto in piante di bambù appartenenti ad una ventina di specie diverse, che sviluppa un percorso di oltre 3 chilometri (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Continua a leggere