Fortezza di Fenestrelle

Abbarbicata tra i 1200 e i 1800 m slm, la Fortezza di Fenestrelle, già baluardo insuperabile a guardia della Val Chisone, rappresenta un’occasione per l’escursione di un giorno lungo i suoi camminamenti e offre un panorama esclusivo sulla valle all’ombra delle Alpi Cozie (di Cristina Risciglione, testo di Renato Corpaci).

In valle, l’abitato di Fenestrelle. In costa, la Fortezza
Continua a leggere

Crespi d’Adda sito UNESCO

Crespi d’Adda, sito UNESCO inserito dal 1995 nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è uno straordinario esempio urbanistico tra i villaggi aziendali sviluppati in Europa e Nord America tra il IXX e XX secolo da industriali illuminati per venire incontro alle necessità delle maestranze (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Il busto del fondatore di fronte alla chiesa
Il busto del fondatore campeggia di fronte alla chiesa di Crespi d’Adda
Continua a leggere

La Chiesa di San Gaudenzio a Casaccia in Val Bregaglia

La Chiesa di San Gaudenzio è un rudere scoperchiato che incuriosisce a malapena i viaggiatori in transito sulla Strada Cantonale 3 del Passo del Maloja, ma è anche l’unico monumento gotico svizzero di importanza nazionale in Val Bregaglia (di Cristina Risciglione e Renato Corpaci).

Veduta aerea della Chiesa di San Gaudenzio
Veduta aerea della Chiesa di San Gaudenzio in Val Bregaglia
Continua a leggere

I luoghi del cuore 2018

Ritorna anche quest’anno  I Luoghi del Cuore, il censimento nazionale dei luoghi da non dimenticare promosso dal FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo (di Cristina Risciglione).

La 9ª edizione si terrà dal 30 maggio al 30 novembre 2018 e sarà nuovamente possibile partecipare a salvare e a far conoscere quei siti speciali, legati alla nostra identità e alla nostra memoria. Continua a leggere

Mapei tra i Grandi Donatori del Duomo

Mapei entra a far parte dei Grandi Donatori della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano e associa la propria storia, lunga oltre 80 anni, al più importante simbolo della città (di Cristina Risciglione).

Giorgio Squinzi, “patron” della Mapei, rinomata ditta di adesivi, sigillanti, prodotti chimici per l’edilizia, con più di 10.000 dipendenti di cui il 12% impiegati nella ricerca, 79 stabilimenti in 5 continenti e in 34 paesi, ha sempre ritenuto che il Teatro alla Scala e il Duomo di Milano fossero i più significativi simboli della città. Continua a leggere