Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola

Torna per la 75esima edizione la Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola in programma dal 30 agosto all’8 settembre, un appuntamento cultural-gastronomico imperdibile per gli amanti dell’ottimo cibo.

Il peperone di Carmagnola, una struttura più massiccia e un frutto più carnoso

La pianta peruviana del peperone è giunta a Carmagnola agli inizi del Novecento ed è stata introdotta nella coltivazione del luogo dal lungimirante orticoltore di Borgo Salsasio Domenico Ferrero, diventando da subito una coltivazione di pregio e rappresenta oggi una risorsa fondamentale per l’agricoltura e l’economia.

Una lunga storia di eccellenza e qualità. Il peperone di Carmagnola, coltivato nelle fertili terre della provincia di Torino, è noto per le sue caratteristiche organolettiche distintive. Disponibile in diverse varietà, tra cui il Quadrato, il Corno di Bue, il Trottola, il Quadrato allungato e il Tomaticot, questo ortaggio si distingue per la polpa spessa, il sapore dolce e l’elevato contenuto di vitamina C.

La Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola è molto più di un semplice evento gastronomico. È una celebrazione della cultura, della tradizione e dell’innovazione agroalimentare, con importanti ricadute positive per la città. Da 14 anni è riconosciuta come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale, distinguendosi come una delle più prestigiose nel settore enogastronomico e la più grande in Italia dedicata ad un prodotto agricolo. La fiera celebra le eccellenze agroalimentari del territorio, offrendo un ricco programma di intrattenimento per tutte le età. All’interno della Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola si è negli anni affermato quasi come iniziativa indipendente Il Foro Festival, evento collaterale che negli anni ha ospitato molti importanti nomi del panorama della musica e dello spettacolo, anche a livello internazionale.

Per dieci giorni, infatti, sono previsti eventi gastronomici con piatti tipici e sperimentazioni oltre ad appuntamenti culturali e artistici ma anche spettacoli e concerti.

Abbazia di Casanova, costruita sulle rovine di una costruzione religiosa risalente al XII secolo, opera voluta dai marchesi Manfredo e Ugo, figli di Bonifacio del Vasto, in favore dell’ordine monacale cistercense.

Per il sesto anno consecutivo, inoltre, si rinnova la charity partner tra la Fiera Nazionale del Peperone e la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, che vedrà diverse iniziative dedicate sostegno dell’Istituto di Candiolo IRCCS

Un format già molto apprezzato e consolidato, che per l’edizione 2024 si arricchirà ancora di più per coinvolgere il pubblico in un viaggio alla scoperta del peperone di Carmagnola. Degustazioni guidate, showcooking, incontri culturali, musica e tanto altro in programma per la 75esima edizione della Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola. Tra le vie del centro storico di Carmagnola alla scoperta del tipico prodotto agricolo, cuore della manifestazione, non solo tra gli stand, ma anche presso tutti i ristoranti e bar della città, che proporranno al pubblico un piatto ad hoc a base di peperone.

Il pubblico potrà scoprire e assaggiare passeggiando tra le vie del centro storico, grazie ai 200 stand espositivi, i diversi tipi di peperone. Saranno protagoniste Piazza Mazzini si trasforma nella Piazza dei Sapori con il Mercato dei Produttori del Consorzio del Peperone e un enorme ristorante all’aperto, frutto di un’idea geniale del compianto ristoratore Renato Dominici che la ideò tra gli anni Novanta e i primi del Duemila per portare alla manifestazione, accanto al peperone, i migliori prodotti tipici del territorio torinese. Piazza Bobba diventerà, invece, l’Osteria Italia. Mentre saranno via Bobba, Corso Garibaldi, i Giardini del Castello, via Silvio Pellico, Piazza Manzoni, Corso Sacchirone e i Giardini Unità d’Italia a ospitare i moltissimi stand di esposizione e vendita del peperone. Come ogni anno, viene allestita una grande rassegna commerciale con la migliore produzione ed il miglior commercio proponendo una vasta gamma di prodotti e servizi.

Particolare attenzione all’accessibilità dell’evento e dei servizi, per eliminare le barriere architettoniche e garantire a tutti i visitatori di poter godere a pieno della 75esima edizione della Fiera Nazionale del peperone di Carmagnola.

Per gli amanti della scoperta dei territori, è consigliabile una visita all’Abbazia di Casanova, risalente al XII secolo, opera voluta dai marchesi Manfredo e Ugo, figli di Bonifacio del Vasto, in favore dell’ordine monacale cistercense, grazie al quale si sviluppò largamente fino al XVI secolo, quando poi fu ceduto agli abati delle corti sabaude.

Con una tradizione che affonda le radici nel 1949 e rappresenta un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, i produttori locali e gli appassionati di agricoltura, l’atteso evento gastronomico piemontese è diventato ormai uno storico appuntamento non solo per il comune di Carmagnola, ma per tutto il Piemonte e il resto d’Italia, un’occasione per degustare le prelibatezze del territorio. SGP Grandi Eventi si occuperà della sua organizzazione per tre anni, con l’obiettivo principale di una crescita internazionale.

Appuntamento a Carmagnola con la 75esima edizione della Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola dal 30 Agosto all’8 Settembre con ingresso gratuito. Una kermesse cultural-gastronomica organizzata dalla Città di Carmagnola e prodotta da Sgp Grandi Eventi (comunicato stampa).

Per maggiori informazioni, premere: QUI

Condividi su:
Pin Share