Theo Jansen Strandbeest al Museo della Scienza e della Tecnica

Per la prima volta in Italia, Theo Jansen con le sue Strandbeest, gigantesche installazioni cinetiche che si muovono grazie alla forza del vento. Al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano dal 20 febbraio al 19 maggio.

Theo Jansen, ANIMARIS RIGIDE PROPERANS, Tepideem, Periodo Tiepido 1994 – 1997. L’elica attaccata alla parte posteriore di questa Strandbeest le permetteva di camminare lateralmente contro vento a velocità considerevoli. La precedente generazione non era in grado di farlo

Epitome dell’unità dei saperi e del dialogo tra cultura umanistica e cultura tecnico-scientifica, dall’inizio degli anni Ottanta, Jansen concepisce algoritmi creati per simulare una sorta di “vita artificiale”. L’interesse dell’artista – la progettazione di organismi viventi e autonomi attraverso il software – si è concretizzata nella serie di sculture cinetiche Strandbeest (“animali da spiaggia” in olandese).

L’attività di Theo Jansen – che ha studiato fisica alla Delft University of Technology (Paesi Bassi) – è accomunata a un particolare ambito della produzione di Leonardo da Vinci: la progettazione di macchine per il volo, ma sopprattutto, di macchine da guerra. Contrariamente all’artista rinascimentale però, le “bestie” di Jansen sono esseri pacifici che muovono i loro molteplici arti, non in battaglia, ma sulla battigia delle spiagge olandesi, avvalendosi esclusivamente della spinta del vento. Ora, i visitatori del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano potranno ammirare le Dream Beasts, queste spettacolari creature, dal vivo e vederle muoversi.

Tredici di queste gigantesche sculture animate, costituite da materiali tecnico industriali (tubi flessibili in polivinilcloruro (PVC), che Jansen considera la sua “proteina artistica”, nonché bottiglie riciclate, pompe per bicicletta, filo di nylon e nastro adesivo), infatti, sono esposte da mercoledì 20 febbraio a domenica 19 maggio nelle sale del Padiglione Aeronavale del museo milanese.

La sintonia con lo spirito di Leonardo rende questo straordinario artefice culturalmente vicino all’identità dell’istituzione lasciataci da Guido Ucelli e Piero Portaluppi, che si propone di valorizzare la sintesi fra arte e scienza.

Per un decennio l’attività dell’olandese è rimasta nell’ombra e solo recentemente la comunità artistica internazionale si sta occupando di lui. Dal momento che la combinazione tra natura e tecnica, alla ricerca di una possibile sostenibilità, è diventata una priorità pressante, le strategie di progettazione di Jensen sono diventate di colpo estremamente significative.

Le opere sono state ospitate in alcuni dei più importanti musei internazionali quali l’Exploratorium di San Francisco, la Cité des Sciences e il Palais de Tokyo di Parigi, l’Art & Science Museum di Singapore e la prestigiosa fiera d’arte contemporanea Art Basel Miami, presentato da Audemars Piguet.

L’interesse per Jansen da parte della maison di orologi, si basa sull’analogia esistente tra le complicate opere dell’artista olandese e i prezioni manufatti meccanici. Un’analogia che Winka Angelrath, art curator di Audemars Piguet, sintetizza molto efficacemente con i concetti di “complessità” e “precisione”.

Opportunamente, nell’anno dedicato alle celebrazioni vinciane, in collaborazione con KLM, carrier ufficiale delle sculture, il Museo ha scelto di sottoporre ai visitatori l’opera dell’artista di Scheveningen.

Sponsor della mostra, la Fondazione IBSA per la Ricerca Scientifica che ha scelto di avviare una collaborazione prioritaria con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, come parte del suo impegno di divulgazione e promozione del dialogo tra arte e scienza.

Jansen è oggi impegnato a realizzare la settima generazione delle sue creature. Le ultime realizzazioni sono concepite persino per il trasporto di passeggeri. In mancanza di vento, possono muoversi grazie a un geniale sistema di impulsi prodotti dall’aria compressa contenuta in bottiglie di PET.

DREAM BEASTS
LE SPETTACOLARI CREATURE DI THEO JANSEN
20 febbraio – 19 maggio 2019
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
via San Vittore 21, Milano

Per maggiori informazioni: www.museoscienza.org/

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *