I senza dimora di Luca Rotondo

Alla galleria Spazio Aperto San Fedele, a cura di Gigliola Foschi, fino al 19 maggio 2018 è visibile la mostra di fotografia Metropolitan Lullabies, di Luca Rotondo, che punta il dito su un fenomeno sotto gli occhi di tutti ma per lo più ignorato dai cittadini.

Luca Rotondo, photografo. Milano, April 2018

Luca Rotondo è un giovane fotografo milanese. Nel 2005 stava svolgendo un progetto incentrato sull’architettura del centro di Milano quando, una sera, ha notato un particolare che disturbava la sua inquadratura.

Guardando meglio, si è accorto che si trattava di un senzatetto pacificamente sopito sotto il portico dell’edificio che stava ritraendo. Da quel momento, Luca Rotondo ha cominciato a farci caso; a notare che in ogni angolo del centro della città addormentata, osservando accuratamente, si poteva scorgere un corpo che, discretamente, con improvvisate coperture, aveva occupato un angolo del lastricato.

Per alcune delle notti seguenti, Rotondo ha percorso la città, con l’obiettivo di registrare una testimonianza di quelle discrete presenze. Il risultato è questa mostra.

Le foto di Luca, anche se tecnicamente impeccabili, a una frettolosa osservazione rischiano di sembrare ordinarie. Nel quadro di un’elegante architettura, di una grafica geometicamente equilibrata e della precisione di dettaglio tipica delle foto notturne scattate avvalendosi del supporto del cavalletto, nell’ordine e nella pulizia dell’ambiente ritratto, come un foruncolo su un’epidermide adolescente, come un dentello nella carozzeria della fuoriserie, un filo tirato nella maglia di cachemire, in un angolino di ogni immagine si nota l’ombra di una presenza inaspettata che aggiunge una forte connotazione sociale all’immagine.

Sono gli homeless, i senzatetto, gli “invisibili” che passano l’esistenza nel centro di Milano: elemosinando durante il giorno, occupando di notte una frazione dello spazio pubblico più silenzioso e pulito della città, ritratti con discrezione dall’obiettivo del fotografo.

Luca Rotondo collabora come fotografo con architetti e progettisti, aziende e agenzie di comunicazione e lavora nel mondo dell’editoria.

Metropolitan Lullabies nel 2015 si è aggiudicato la dodicesima edizione del Premio Amilcare G. Ponchielli, organizzato e sostenuto dal 2002 dal G.R.I.N. (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale.

Gigliola Foschi, giornalista, critico d’arte, lecturer, curatrice. Milano, April 2018

Metropolitan Lullabies-Milano Downtown
Fotografie di Luca Rotondo
A cura di Gigliola Foschi
Dal 10 aprile al 19 maggio 2018
Spazio Aperto San Fedele
Piazza San Fedele, 4 – Milano

Per maggiori Informazioni:
Centro Culturale San Fedele

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *