Autismo – Un altro modo di essere umani

Promossa da Associazione Autismo Firenze, Immaginar.io e Amici del Museo Ermitage Italia con il sostegno di Intesa Sanpaolo, ha aperto i battenti presso le Gallerie d’Italia, a Milano la mostra L’Arte Risveglia l’Anima: 60 opere di 18 artisti affetti da disturbi dello spettro autistico. (English text here).

Autismo - L'Arte Risveglia l'Anima

L’Arte Risveglia l’Anima

Le opere si offrono come strumento privilegiato per stabilire un ponte con queste persone con cui è normalmente così diffiicile entrare in contatto. Continua a leggere

Teresa Margolles – “ Ya basta hijos de puta ”

Il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano presenta Ya basta hijos de puta la personale di Teresa Margolles. Le 14 installazioni dell’artista esplorano gli scomodi temi della morte, dell’ingiustizia sociale, dell’odio di genere, della marginalità e della corruzione (di Cristina Risciglione).

Teresa Margolles, La búsqueda (2014), La tragica e costante sparizione di donne in diverse città messicane

In Italia, la cadenza dei femminicidi è di poco superiore a uno ogni tre giorni. In Messico vengono uccise tre donne ogni due giorni. In Italia, tre femminicidi su quattro accadono in famiglia. In Messico, una donna (o una bambina) esce di casa e scompare per sempre. A volte il corpo viene ritrovato a pezzi nel deserto che circonda le città. Più spesso, non viene neppure ritrovato. Continua a leggere

Giovanni Frangi a Villa Carlotta

La nuova stagione a Villa Carlotta, il gioiello della Tremezzina e del Lago di Como, da marzo a dicembre propone tre grandi rassegne espositive, con opere di Giovanni Frangi, fotografie di Mario Carrieri e manufatti in vetro della collezione di Enrico Bersellini.

Sono previste inoltre esposizioni temporanee, una serie di giornate speciali e tematiche che seguono le fioriture del giardino, attività e laboratori per famiglie, eventi musicali e un viaggio nelle collezioni della villa, come quella degli argenti e delle camelie.    Continua a leggere

Paesaggi dalla Scapigliatura al Novecento

Il Museo del Paesaggio di Verbania apre la stagione primaverile con una mostra – Armonie verdi. Paesaggi dalla Scapigliatura al Novecento – curata dalla storica dell’arte Elena Pontiggia e da Lucia Molino, responsabile della Collezione Cariplo, dedicata al paesaggio.

Carlo Fornara, I due noci, 1920, olio su tela, cm 44 x 56, Museo del Paesaggio

Circa cinquanta opere – tra cui dipinti di Daniele Ranzoni, Francesco Gnecchi, Lorenzo Gignous, Emilio Gola, Mosè Bianchi, Carlo Fornara, Ottone Rosai, Filippo De Pisis, Arturo Tosi, Umberto Lilloni – provenienti dalle Raccolte d’arte della Fondazione Cariplo, del Museo del Paesaggio di Verbania e da collezioni private.

Continua a leggere

Mario Botta. Spazio Sacro

La Pinacoteca Comunale Casa Rusca a Locarno propone una mostra dedicata un grande architetto svizzero: Mario Botta. Spazio Sacro. 22 architetture realizzate in differenti Paesi: Svizzera, Italia, Francia, Israele, Ucraina, Sud Corea e Cina. Tutti i progetti sono documentati con modelli originali, disegni e gigantografie.

Mario Botta, Spazio Sacro

Mario Botta, architetto. Locarno, marzo 2018

Mario Botta ha avuto diverse opportunità di confrontarsi con la dimensione del culto. Lo testimonia la quantità di progetti realizzati che riguardano questo particolare settore edilizio. Occasioni che lo hanno portato a scorgere sempre più chiaramente anche una dimensione del sacro insita nell’architettura nel suo complesso. Continua a leggere

Ercolano e Pompei. Visioni di una scoperta

La mostra “ Ercolano e Pompei. Visioni di una scoperta ” – al piccolo ma prezioso m.a.x. museo di Chiasso – concentra l’attenzione dei visitatori, non sui reperti archeologici in se stessi, ma sui documenti (lettere, taccuini acquerellati, incisioni, litografie, disegni, rilievi, matrici, gouaches, le prime fotografie e le prime cartoline) con cui il ritrovamento dei due siti archeologici è stato divulgato agli studiosi, agli appassionati e al pubblico.

Ercolano e Pompei. Visioni di una scoperta.

Ercolano e Pompei. Visioni di una scoperta.

Oltre 300 opere provenienti da più di 20 istituzioni di 4 paesi (Svizzera, Italia, Francia e Stati Uniti), fra cui diversi inediti esposti per la prima volta fanno da contorno a 23 reperti archeologici di Ercolano e Pompei risalenti al I secolo a.C. – I secolo d.C. Continua a leggere

Engadin Skimarathon

La cinquantesima edizione della Engadin Skimarathon ha visto gli atleti svizzeri, grandi favoriti alla partenza, trionfare contro un’agguerrita compagine di avversari internazionali. Roman Furgen e Nadine Fähndrich hanno prevalso sulla schiera degli oltre 14.200 concorrenti, record assoluto di partecipazioni (di Cristina Risciglione).

Engadin SkiMatathon

La partenza della 50a Engadin Skimarathon

Nonostante le previsione meteo della vigilia annunciassero pioggia fin dal mattino, la gara ha preso il via a 1800 metri di quota, davanti al Maloja Palace Hotel, mentre la neve fioccava decisa.    Continua a leggere

Impressionismo e Avanguardie

Con la mostra “ Impressionismo e Avanguardie ”, il Philadelphia Museum of Art, in concomitanza con i lavori di ampliamento della propria sede condotti dall’architetto Frank Gehry, dall’8 marzo sino al 2 settembre si trasferisce a Palazzo Reale, a Milano, con una selezione di 50 opere a cavallo tra Otto e Novecento.

Impressionismo e Avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art

L’esposizione – promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostreSkira – si inserisce nella linea espositiva inaugurata nel 2015 “Musei del mondo a Palazzo Reale”.    Continua a leggere

Post Zang Tumb Tuuum

Curata da Germano Celant, la mostra Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943, alla Fondazione Prada di Milano, esplora il sistema dell’arte e della cultura in Italia tra le due guerre mondiali (di Cristina Risciglione).

Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943

“Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943”. Milano, Fondazione Prada.

In un periodo – il nostro – in cui certi deprecabili rigurgiti di sentimenti nostalgici stanno raggiungendo livelli  di preoccupante effervescenza e alla vigilia di una scadenza elettorale dagli esiti incerti, una rassegna “oceanica” sulle espressioni artistiche e stilistiche del ventennio può sembrare un’iniziativa inopportuna.
Continua a leggere